pet therapy

ovvero INTERVENTI ASSISTITI con gli ANIMALI (IAA) comprendono una vasta gamma di progetti finalizzati a migliorare la salute e il benessere della persona, con l'ausilio di "pet", ovvero di animali di compagnia, nel nostro caso CAVALLI!

L'ippoterapia che proponiamo è una attività assistita con gli animali (AAA), nel nostro caso con il cavallo, nel rispetto delle Linee guida Nazionali, volte a favorire l'interazione bambino-animale attraverso stimolazioni sensoriali, attività che attingono al mondo dell'equitazione ludica e momenti di astrazione, rimanendo nel contesto del maneggio.

Le stimolazioni sensoriali sono favorite in primis dal contatto con l'animale, attraverso la sua pulizia, bardatura e conduzione a mano, ma anche dalla presenza in campo delle lettere di riferimento (A B C D ), proprie del mondo equestre, utilizzate per sollecitare la sfera cognitiva.

Le attività svolte in campo sono i giochi classici dei pony games riadattati nelle modalità e soprattutto nei tempi che stimolano la manipolazione, la concentrazione/attenzione e l'orientamento spazio-temporale.

Si alternano anche momenti più sporadici, ovvero diluiti, di attività al di fuori del campo e della scuderia, in cui ci si concetra sull'osservazione e la riproduzione su carta dello schema corporeo, dei percorsi svolti con il cavallo come esempi, o studio dei mantelli e di tutti i dettagli dell'animale che consente di ricordare e riportare su di sè l'esperienza fatta. Ciò viene attuato attraverso schede educative e giochi come puzzle e cruciverba ( anche con il metodo Montessori) da compilare e colorare.

Questi momenti, quando possibile, sono svolti per lo più in gruppo, per favorire non solo la socializzazione, ma anche la solidarietà, il superamento della vergogna e l'aumento dell'autostima, nonchè l'astrazione e la memoria.

Lavorare insieme al cavallo diventa un modo per conoscere se stessi, l'altro da sè e riscoprire nuove risorse: questi processi si svuluppano in un contesto naturale (deospedalizzato) e in chiave ricreativa.

Siamo preparati anche per affrontare interventi più seri, con percorsi specifici di rieducazione comportamentale nell'ambito dell'Educazione Assistita con gli Animali (EAA) e della Terapia Assistita con gli Animali (TAA), interventi di valenza terapeutica, finalizzati  alla cura di disturbi della sfera fisica, neuro e psicomotoria, in quanto il maneggio è munito di strumenti idonei quali:

  • la pedana per la messa in sella per i disabili
  • sella dotata di maniglia che aiuta il raddrizzamento del tronco e favorisce l'equilibrio
  • redini modificate per facilitare l'impugnatura anche in presenza di rigidità muscolare
  • staffe con pedane inclinate per correzioni di problemi biomeccanici
  • fascione da lavoro che stimola l'equilibrio e l'attenzione e favorisce un maggior contatto con il cavallo, come se si montasse a pelo.


i 5 sensi

PERCORSO ESPERIENZIALE

Si tratta di un progetto per bambini e adulti articolato in 5 incontri tematici, a cadenza settimanale della durata di 2 ore ognuno,inerenti la sfera sensoriale globale propri del contesto in cui vive il cavallo, del suo essere animale e del suo ruolo svolto in cattività,  al servizio dell'uomo e dunque in stretto rapporto con un altro essere vivente (altro sè) che se ne prenderà cura in tutti i suoi aspetti etologici e di benessere per lavorare insieme al meglio.

E' da qui che nasce un rapporto intenso e duraturo, basato su uno scambio continuo fortemente emotivo dove l'uno è lo specchio dell'altro, azione e reazione sono istintivi e ragionati, impulsivi e metabolizzati ed è prorpio a partire dai nostri sensi che creiamo questo rapporto che diventerà una profonda conoscenza di sè stessi.

1- VISTA: CHI  è il cavallo, com'è fatto, dove vive (la prima impressione)
     - Osservazione morfologica
      -Osservazione etologica individuale
     - Osservazione degli ambienti in cui vive e condivide con noi   
2- UDITO: COME, imparare ad ascoltare non solo con le orecchie
     -Comunicazione del cavallo, interazione in branco e con noi (conduzione a mano e alla corda)
     - il ritmo delle andature "poesia in movimento"
     - Come riceviamo, ascoltiamo, una comunicazione: l'interpretazione del segnale (reazioni)
3- OLFATTO: COSA respiriamo
     - Odori del corpo
     - Odori degli ambienti e contaminazioni
     - Odori del cibo, dove e come ricercarlo
4 - TATTO: QUANTO ci connette
      - Toccare le varie parti del cavallo in uno scambio reciproco (cosa proviamo e cosa trasmettiamo)
      - Cosa tocca il cavallo
      - Toccare il cavallo: quando (fasi), come (aiuti), a terra e nella monta (a pelo)
5 -GUSTO: QUANDO proviamo piacere, sicurezza e padronanza.
      - Il gusto in questo contesto è inteso come quel momento in cui riusciamo   ad assaporare   una esperienza, a metabolizzarla, capirla e farla
        propria, in modo da poterla ricercare, ma anche da sviluppare una consapevolezza per evitare episodi pericolosi e spiacevoli.

       - Il lavoro in sicurezza

      - Come mettera in pratica fermezza e determinazione in modo armonico

      - PERCHE' STARE VICINO A UN CAVALLO?

          

Per qualsiasi informazione, prezzi e modalità di pagamento potete contattarci telefonicamente o tramite e-mail  in fondo alla Home

Di seguito potete scaricare i moduli editabili per l'iscrizione. Si consiglia di scaricarlo e poi compilarlo.